Regione Autonoma della Sardegna
Carnevale Antico treno a vapore alla stazione Casa museo Dona Maxima Chiesa di S.Croce Chiesa di S.Gavino Martire (effigie di Eleonora d'Arborea) Fiori dello zafferano Fonderia (esterno) Fonderia (macchine) Ospedale Palestra polifunzionale di Via Paganini Stazione Ferroviaria Teatro Comunale Ubicazione e veduta aerea Anfiteatro Comunale Archivio Storico Casa Mereu Museo due Fonderie Chiesa e Convento di Santa Lucia
Amministrazione trasparente
Dai un'occhiata anche al progetto del sito in lingua Sarda



 
Pubblicata il 16/09/2019
Dal 18/09/2019 al 18/09/2019
DI SEGUITO LA COMUNICAZIONE DI SOSPENSIONE DEL SERVIZIO DA PARTE DI ABBANOA.  
Pubblicata il 05/08/2019
NUOVO IBAN Si informano i gentili cittadini, le imprese e gli enti non rientrante tra le Pubbliche amministrazioni, che per effettuare i versamenti a beneficio dell'amministrazione comunale di San Gavino Monreale, dovranno utilizzare esclusivamen...
Pubblicata il 03/06/2019
La Protezione Civile Sardegna e l'associazione di volontariato Euro 2001 - Senza Confini rendono noto che il giorno lunedì 3 giugno 2019 prende avvio il presidio antincendio per la campagna AIB (Anti Incendio Boschivo) 2019. Gli operatori a d...
Pubblicata il 07/12/2017
Si comunica che il Laboratorio per il Centro Storico di antica e prima formazione del Comune di San Gavino Monreale sarà disponibile nei seguenti giorni e orari: apertura pubblico    Martedì             09:00 - 11:00                         ...
Categorie Amministrazione
 
Abitanti: 8.485 (al 31/12/2018)
 
  MASCHI FEMMINE TOTALE
Popolazione al 31/12/2017 4.200 4.396 8.596
NATI 22 15 37
MORTI 59 39 98
IMMIGRATI 63 53 116
EMIGRATI 77 89 166
Popolazione al 31/12/2018      4.149        4.336   8.485
       
MATRIMONI     17
DI CUI RITO CONCORDATARIO (II/A)    (II/B)  7
DI CUI RITO CIVILE (I) (II/C) 10
 
FAMIGLIE 3.543
CONVIVENZE 5


San Gavino Monreale si trova al centro della pianura del Campidano, equidistante sia da Cagliari che da Oristano, bagnato a nord dal Rio Pardu. Lo sviluppo della cittadina si è basato per oltre settanta anni sull'industria, per la presenza della fonderia di materiali non ferrosi, che fu costruita negli anni '30 e rappresentò una delle più importanti realtà industriali del territorio. Oggi lo scenario economico è prevalentemente caratterizzato da piccole e medie imprese e dallo sviluppo del settore terziario. Il paese è riconosciuto come vera e propria capitale dello zafferano italiano, in virtù dell'eccezionale primato che lo vede produrre ben il 60% di tutta la produzione nazionale.

Superficie: km² 87,54

 
Mettiamoci la faccia
torna all'inizio del contenuto